Milan,
21
Luglio
2016
|
09:00
Europe/Amsterdam

CBRE: INVESTIMENTI IMMOBILIARI IN ITALIA +12% NEL SECONDO TRIMESTRE, VOLUME SEMESTRALE RECORD DAL 2008

Riepilogo
  • In crescita gli investimenti immobiliari in Italia nel secondo trimestre 2016, +12% rispetto al trimestre precedente, superiore alla crescita registrata a livello Europeo (+2,5%)
  • Il volume investito negli ultimi 12 mesi (8.1 miliardi di Euro) è superiore del 14% a quello dei 12 mesi precedenti
  • Nel 1° semestre 2016 il volume investito in Italia è in linea a quello registrato nei primi sei mesi 2015, pari a 3,6 miliardi Euro
  • I capitali stranieri dominano ancora il mercato ma è in aumento la quota di capitale domestico investito (+24% rispetto al 1° semestre 2015)

Nel secondo trimestre 2016 sono stati investiti poco meno di 2 miliardi di Euro nel mercato immobiliare italiano, una crescita del 12% rispetto sia allo scorso trimestre sia allo stesso periodo dello scorso anno. Ciò ha portato il volume di metà anno a 3,6 Miliardi di Euro, in linea con quello dello scorso anno. L’interesse per il settore si è confermato forte nella prima parte dell’anno, con un’attività più dinamica se guardiamo al numero dei deals, maggiore rispetto al 2015. Questo è quanto emerge dalle analisi di CBRE, società leader al mondo nella consulenza immobiliare.

Il capitale straniero è ancora protagonista, rappresentando il 75% degli investimenti totali del primo semestre dell’anno, con 2.7 miliardi di Euro investiti, in calo del 6% rispetto al primo semestre 2015. Continua invece a migliorare la quota di capitale domestico investito: quasi 900 milioni di Euro nei primi sei mesi 2016, una crescita del 24% rispetto alla prima metà dello scorso anno.

Per quanto riguarda i settori, gli uffici registrano ancora la maggior quota di investimenti con quasi 1.6 miliardi di Euro nel primo semestre 2016 (+51% rispetto al primo semestre 2015), seguiti dal settore Retail che ha raggiunto quota 680 milioni di Euro (+19% rispetto al primo semestre 2015). Il settore degli Hotel (+45% sul primo semestre 2015) continua ad attrarre una quota significativa di capitali insieme al settore della logistica.

L’attività di investimento è migliorata nel mercato romano, con 800 milioni di Euro investiti nella prima metà 2016, una forte crescita rispetto al primo semestre 2015, anche se non sufficiente a colmare il ritardo rispetto a Milano a causa della carenza di prodotto nel segmento direzionale. La città meneghina, dopo un anno record nel 2015, ha fatto registrare un volume di investimenti di circa 1.4 miliardi di Euro, il 30% in meno rispetto al 2015, anche questo conseguenza di un esaurimento di prodotto e non di un calo di interesse.

Alessandro Mazzanti, CEO - CBRE Italia
L’attività registrata nella prima parte dell’anno ha confermato quello che avevamo visto alla fine del 2015: un forte interesse per l’Italia ed una continua appetibilità del settore immobiliare, relativamente ancora competitivo rispetto ad altre asset class. Riscontriamo ancora un gap tra domanda e offerta in termini di pricing che, se non colmato, rappresenterà un freno all’espansione dei volumi futuri. Per quanto riguarda la seconda parte dell’anno, il gap sopra citato, insieme all’aumentata volatilità ed incertezza sui mercati, determinerà una fase di attesa con un probabile rallentamento dei volumi. Ancora una volta, un ruolo chiave sarà quello che giocheranno le banche e la loro capacità e rapidità nel risolvere il problema delle sofferenze. Concludendo: i prossimi mesi saranno caratterizzati da un livello di attività importante sul segmento core e una crescita dell’attività legata agli NPL.
Alessandro Mazzanti, CEO - CBRE Italia

Investimenti Immobiliari in Italia

     

Settore

H1 2015

Q2 2016

H1 2016

Uffici

1,024

707

1,550

Retail

570

175

680

Industrial and Logistics

202

165

195

Hotels

305

317

444

Other

509

433

507

Mix-used properties

977

95

208

Total

3,587

1,893

3,584

Source: CBRE Research.